Che schifo di sviluppo

“L’articolo 29 della proposta di decreto Sviluppo prevede il divieto di opporsi all’installazione di antenne di telecomunicazioni su propri immobili da parte di cittadini e condomini.”

Antennopoli

Personalmente considero questa una idea arrogante, stupida e inutile. Questo semplicemente non fa sviluppo, fa solo schifo.

Piuttosto prevedere una regolamentazione comunale condivisa in merito, in modo da posizionare le antenne nei luoghi dove, col beneplacito di residenti e lavoranti, hanno minor impatto, ed in termini di edilizia sostenibile che oltre la contropartita economica l’azienda proprietari dell’antenna effettui la protezione dell’edificio e di quelli contigui con strategie di abbattimento dell’elettrosmog (ad tessuti e pannellature schermate) e relativi lavori d’estetica.

 

Annunci

1 commento su “Che schifo di sviluppo”

  1. “Nei meandri dei quartieri di madonne e di sirene
    Paraboliche ed antenne sono aghi nelle vene
    E nei vicoli dei chiostri di pastori e vecchi santi
    Le finestre anodizzate sono schiaffi ai monumenti.”

I commenti sono chiusi.