L’Accademia della Crusca

L’istituto nazionale per la salvaguardia e lo studio della lingua italiana è l’arcinota Accademia della Crusca [Link].

Per capirci sono degli appassionati della lingua Italiana e lo sono tanto dall’imbufalirsi già per la “i” maiuscola che posta sull’aggettivo che qualifica il lemma “lingua”, dal lettore testé incontrato internamente alla proposizione subordinata che precede codesta incidentale, sicché invero appartengono al consesso di esperti conoscitori dell’attuale forma dell’idioma dell’Alighieri tanto quanto di quella che ebbe nel passato.Il famoso Vocabolario degli Accademici della Crusca

Dunque great respect per questi fratelli che si dedicano a codesta mission impossibile di tener assieme,  unite e vive tutte le anime del nostro scrivere e parlare di oggi e del passato, e facciamo tesoro del grande impegno che dal 1582 costoro indomabilmente continuano mentre noialtri abusiamo dei punti di riferimento lessicali, degli usi  grammaticali e delle regole d’ortografia arrogandoci licenze sul maiuscolo reverenziale, sull’incidentale ed addirittura sulla corretta aggettivazione. Quanto sopra a ragionar di chi, esperto del thesaurus integrato in word 2012, si pregia di porre osservazioni da trollaio sentendosi volpe nel pollaio. Costui si svegli e sappia che: lo sentirsi nel pollaio lo si cura da dottore, per lo sentirsi volpe, Iddio ci scansi, la cura c’è, ma è il cacciatore.

Annunci