Orvieto tra i Gioielli d’Italia

Orvieto partecipa al bando per i Gioielli d’Italia 2012.

Il progetto “I Gioielli d’Italia” è previsto dall’Accordo-Quadro sottoscritto in data 23 settembre 2010 tra Ministro per il turismo, pro tempore e l’allora Presidente dell’ANCI, accordo volto a promuovere il turismo nazionale e a realizzare ogni utile collaborazione al fine di coordinare e rendere sinergiche le azioni di interesse per gli Enti locali, in coerenza con il rilancio del sistema turistico italiano perseguito dal Ministro per il turismo.

Scopo dichiarato del progetto è la promozione del “buon vivere” italiano, contribuendo ad incrementare le politiche di destagionalizzazione attraverso la valorizzazione del patrimonio ambientale, culturale, turistico, storico-urbanistico, architettonico ed enogastronomico del sistema delle Autonomie locali italiane, sempre nell’ottica del recupero e del rilancio turistico dell’immagine dell’Italia.

In particolare, si intende promuovere l’ Italian life style avendo come target il turista italiano e i turisti stranieri desiderosi di approfondire anche gli aspetti meno noti dell’offerta italiana.

L’iniziativa dichiara di voler valorizzare in modo unitario, su tutto il territorio nazionale, le offerte turistiche dei Comuni di piccole e medie dimensioni (con popolazione residente non superiore ai 60.000 abitanti), esaltando le caratteristiche e le tradizioni culturali dei singoli territori locali in un percorso ideale attraverso l’Italia intera.

Si vuol quindi assegnare a venti località italiane la definizione di  “gioielli” da parte di un Comitato formato da rappresentanti dei comuni e del dipartimento per gli Affari regionali, il turismo e lo sport del Governo.

Sono in tutto 6 i criteri di selezione:

  1. possesso del patrimonio architettonico e/o naturale, documentabile, conservato e fruibile dal turista;
  2. capacità di ospitalità e di accoglienza turistica;
  3. presenza sul territorio di un sistema di attrattive;
  4. attuazione di politiche di promozione dell’offerta culturale;
  5. attuazione di iniziative volte a favorire l’accoglienza, l’accessibilità e l’informazione turistica;
  6. vocazione turistica non del tutto sviluppata o adeguatamente valorizzata.

La partecipazione di Orvieto a questo bando era doverosa e ne siamo lieti, speriamo solo che non sia un’ennesima scusa per iniziare i soliti “adeguamenti” in termini d’infrastrutture a spese della comunità, magari lasciando inefficienti inezie come gli accessi per disabili. Lo abbiamo già visto e non ci piacerebbe.

Annunci

Un pensiero su “Orvieto tra i Gioielli d’Italia”

I commenti sono chiusi.