Frenesia elettorale ed impegni territoriali

Sono giorni convulsi, siamo tutti in piena frenesia elettorale.

inaugurazione dopolavoro a 5 stelleSolo ieri abbiamo inaugurato la nuova sede del MoVimento, la Casa a 5 Stelle dei Territori Orvietani che noi chiamiamo, poco fantasiosamente ma per capirci al volo, Dopolavoro a 5 Stelle. Anche oggi ci sono numerose riunioni in giro per la regione sui più svariati argomenti, tra presentazioni dei candidati alla cittadinanza, approfondimenti sulle tematiche dell’agenda a 5 Stelle e sulle questioni più care agli elettori, fino ad incontri più “tecnici” sulla piattaforma per le proposte di legge e d’intervento parlamentare online Liquid Feedback Umbria per la quale collaboriamo attivamente.

Gli Orvietani sono in prima linea anche per gli eventi nazionale: La grande maggioranza degli iscritti al MoVimento Umbri hanno indicato il nome del candidato Orvietano Massimo Maggi assieme al capolista al Senato Stefano Lucidi per il discorso finale di chiusura campagna elettorale sul palco di Roma il 22 prossimo.

Subito dopo la chiusura della campagna elettorale cominceremo finalmente la programmazione delle attività di sede, come lo sportello legale per il cittadino, le centro studi delle esigenze territoriali, il laboratorio informatico open source ed open hardware, la biblioteca sociale ed il bookcrossing, i corsi ed i seminari d’aggiornamento, gli incontri con personalità del mondo della cultura, della scienza, dell’arte e del lavoro.

Contemporaneamente cominceremo ad operare per le elezioni amministrative prossime, a cominciare da Castel Giorgio e comincerà la programmazione delle attività territoriali. Si parlerà di lavoro, economia, commercio, mobilità, sviluppo, rifiuti, ambiente, inquinamento delle falde, sicurezza idrogeologica, trasparenza e vicinanza delle istituzioni, spazi per i giovani e punti di socialità come quello di Sferracavallo recentemente perso dalla disponibilità di associazioni e cittadini. Turismo, eccellenze produttive ed industriali, il nostro straordinario patrimonio storico e culturale non saranno più gli alibi dietro i quali restare inerti e non pianificare il futuro assieme, anzi saranno il punto di partenza per portare più Umbria in Italia e qualche nostra idea, magari un pò tignosa, con la dovuta forza anche in Europa.

A testa alta, tutti insieme e, potete crederci, sarà un piacere.

Annunci

1 commento su “Frenesia elettorale ed impegni territoriali”

I commenti sono chiusi.