Partecipando alla presentazione del Databenc abbiamo immaginato un’Orvieto futura possibile…

Cloud City

Dai più moderni sistemi di rilievo da aereo o da terra per la conoscenza dell’immenso patrimonio monumentale ai più moderni sistemi di gestione della sicurezza dei siti. Ed ancora dai nuovi materiali compatibili e reversibili per la messa in sicurezza statica dei manufatti archeologici ai sistemi informatici per la catalogazione e protezione del patrimonio librario. Ci sono poi i sensori parlanti che avvisano sullo stato di salute di un manufatto. Sono alcuni esempi di applicazioni concrete dei progetti che realizzano i Distretti ad Alta Tecnologia come Databenc, il Distretto per i Beni Culturali.

processi-databencDatabenc è uno dei sei Distretti recentemente costituiti, con un finanziamento complessivo del MIUR di circa 200 milioni di euro, nell’ambito del PON Ricerca e Competitività. Nato da un’idea progettuale promossa dalle Università degli Studi di Napoli “Federico II” e di Salerno, oggi aggrega più di 60 soggetti, tra cui Pmi, Grandi Imprese, Centri di Ricerca e…

View original post 311 altre parole

Annunci