Geotermico bloccato ma i dubbi restano

“M5S Orvieto: ITW & LKW Geotermia Italia S.p.A.  dubbi non dissipati dal ritiro del progetto a Castel Giorgio”

Comunicato Stampa del Movimento 5 Stelle città di Orvieto

Il M5S è da sempre favorevole alle produzioni di energia pulita, pertanto la scelta di combattere l’impianto pilota di geotermia a CastelGiorgio è nata da due considerazioni: la rischiosa tecnica proposta dalle aziende proponenti ed il bizzarro comportamento degli enti locali volto a favorire, inizialmente, queste imprese .

La storia in breve: La regione cambia la propria cartografia sismica riducendo il livello di rischio di CastelGiorgio, immediatamente come se fosser già pronti da tempo a questa opportunità la società con consulente scientifico Franco Barberi (condannato per la sottovalutazione del rischio sismico a L’Aquila) presenta il progetto pilota di sperimentazione, visti le tecniche proposte ed i rischi rappresentati ci mobilitiamo (parallelamente alle associazioni locali e progressivamente istituzioni e personalità ), i comuni della zona ne prendono (lentamente) le distanze ma ne hanno demandato la responsabilità alla conferenza (ente di diritto pubblico sovracomunale), aumenta la pressione politica ed intervengono anche i nostri parlamentari a 5 Stelle assieme a quelli di Sel e Pd, infine un impianto simile a quello proposto genera terremoti in Svizzera, altri causano scandalosi inquinamenti in Usa,  si ventilano azioni legali ed inchieste, la società ritira il progetto, le associazioni ambientaliste gioiscono.

A questo punto, a differenza di altri, noi non festeggiamo. Per noi la battaglia non è finita perchè i dubbi sul progetto restano, anzi aumentano visto come prontamente sia stato ritirato prima delle inchieste e degli approfondimenti.

Anche sulla scelta, per noi immotivata, della regione di ridurre il livello di rischio sismico nel nostro territorio il dubbio resta  e soprattutto il dubbio resta su quanto siano connessi questi due eventi, tra loro davvero troppo vicini perchè la società avesse potuto sviluppare il progetto valutando rischi e tecnologie.

Per questo chiediamo che sia fatta un’operazione verità su quanto successo, a partire dai momenti in cui le commissioni preposte hanno svincolato il territorio dal rischio sismico.

Solo allora saremmo soddisfatti e potremo finalmente tornare a parlare d’energia pulita, in un sistema trasparente, che a prezzi onesti porti anche opportunità e lavoro sui nostri territori.

Silvio Torre, M5S Orvieto

Ulteriori informazioni:
http://www.orvieto5stelle.com – http://www.facebook.com/Orvieto5Stelle
http://umbria5stelle.com – http://www.facebook.com/Umbria5Stelle

Annunci