Monumenti bistrattati

Per l’accavallarsi di una serie di iniziative abbiamo, purtroppo, tralasciato di pubblicare alcune considerazioni dell’ex candidato al Consiglio Comunale per il M5S David Tordi sullo stato delle aree monumentali orvietane.
Pubblicandole oggi sembra un’implicita risposta alle accuse d’improvvisazione (ed altri strali) che  arrivano con i recenti scritti di Bizzarri, direttore del PAAO, accompagnati da richieste d’impegno economico a chi segnala problemi e disservizi.
Non volendo scendere in polemica sulla proposta e riproponendoci di stilare un conto preciso dei quattrini fino ad ora versati per la cura di questi monumenti, osserviamo che il pressapochismo con cui si è operato nel tempo, con l’impegno di fior di denari oltre all’impegno di tanti politici, imprenditori e cittadini, avremmo dovuto avere ben altro. La situazione ci delude ed intristisce, e tanto va necessariamente denunciato quale primo passo per individuare responsabilità e soluzioni. Qui di seguito l’intervento di David Tordi, per altra segnalazione richiamato dallo stesso Bizzarri con il suo “Denuntio ergo sum“.
cropped-foto3816.jpg
“La Necropoli del Crocifisso del Tufo, una delle piu’ antiche e meglio conservate necropoli etrusche nel mondo, sorge ai piedi della rupe di Orvieto. La necropoli non ha niente a che invidiare a nessuna delle altre necropoli etrusche, quali Tarquinia, Cerveteri, ecc… Tuttavia, conta un numero di visitatori estremamente inferiore a quello di casa mia! Cio’ non e’ ammissibile.
Proprio stamattina, mentre camminavo per il percorso dell’Anello della Rupe, ho notato che alle ore 11 del mattino di Sabato 27 Settembre erano presenti nella necropoli solo 2 persone! Cio’ non e’ ammissibile… Qualche sabato fa ero a Tarquinia e c’erano centinaia di persone che esploravano le tombe.
Quindi, oggi mi sono soffermato a riflettere… I motivi per cui la Necropoli di Orvieto sia poco visitata sono diversi, ma primo fra tutti il fatto che essa non sia segnalata da nessuna parte, se si scende dal centro storico! Basterebbe far sapere ai visitatori che, scendendo dal centro, dal parcheggio di Piazza Cimicchi (sotto Via Pecorelli), con 2 cartelli di legno e 10 minuti a piedi si entra in Necropoli!!! E senza mai passare su aree di transito per automobili.
Stessa cosa vale per l’Anello della Rupe… Sempre stamani due signori americani mi chiedevano – di fronte al cancello di entrata all’Anello di Porta Maggiore (sotto la Cava) – “Excuse me, dove si trova la passeggiata dell’Anello della Rupe”? Ed io: “Ehm… e’ questa qui, a 1 metro da lei (indicando il cancello di entrata)…
Cio’ non e’ ammissibile… Ma… un cartello sul cancello scritto in italiano e inglese no???
Ci sono migliaia e migliaia di visitatori in tutto il mondo pronti a spendere soldi per cercare con il lanternino e godere di percorsi per camminare, luoghi storici millenari da visitare… Noi ce li abbiamo TUTTI e non li organizziamo a dovere.
Chiedo pertanto pubblicamente che venga istituita una segnaletica semplice, piccola, economica, ma che possa aiutare i visitatori a poter accedere piu’ facilmente a Necropoli del Crocifisso del Tufo, Percorso dell’Anello della Rupe ed agli oltre 35 monumenti presenti nel centro storico di Orvieto e nelle sue immediate vicinanze. Orvieto vive anche e soprattutto di questo e non e’ pensabile che l’offerta turistica cittadina non venga sfruttata al meglio.
Per fare questo, non mi si venga a dire che servono soldi, perche’ non serve niente!!! Solo la volonta’ di far sapere a chi visita Orvieto dove si trovano i luoghi da vedere. Facile.”
David Tordi

 

Annunci