Servizio navetta: edizione natalizia 2014

E’ durato fino a mezzanotte l’incontro tra cittadini, associazioni, imprese e Comune per l’organizzazione pubblica di manifestazioni, eventi e attività per il prossimo periodo natalizio, voluto dal City Manager, achitetto Olivadese.

Al di la del cartellone di eventi più o meno importanti, per il gruppo consiliare M5S, era essenziale focalizzare l’attenzione sulle questioni della mobilità e dei parcheggi e proporre soluzioni efficaci, in pratica di rivoluzionare il concetto di mobilità privata e pubblica durante il periodo delle festività natalizie. In passato, infatti, l’opzione di rendere gratuito il parcheggio in rupe non solo non ha portato benefici nell’accrescere i flussi ma è stato sfruttato in maniera poco civile da quei residenti e quelle aziende che si sono appropriati dei posti auto pur avendo garage e cortili per poi ospitare parenti e/o clienti. Quindi tale soluzione oltre essere inefficace ha creato un dannoso caos di nessun beneficio alla città. Su questo sono tutti concordi. Così come sono concordi sul mancato introito per le casse comunali dei proventi dei parcheggi.

Innovativa, ed accolta con grande interesse ed apprezzamento, la proposta del servizio “Parcheggia e giri gratis” illustrata dalla capogruppo M5S, Lucia Vergaglia, per incentivare i flussi commerciali, turistici e la libera circolazione della cittadinanza per le visite festive e religiose:

parcheggio in centro

«Riteniamo che nella necessità di creare la mentalità di un modus agendi secondo il quale nell’accesso al centro storico debba essere privilegiata la scelta della mobilità pubblica a fronte dei numerosi vantaggi che questa comporta e nella urgenza di valorizzare la capacità di accoglienza nelle aree predisposte per i parcheggi sotterranei, e fuori rupe, intendiamo mutuare le buone pratiche ed i buoni risultati di altre città d’arte europee che hanno scelto, nell’ambito di vaste operazioni di pedonalizzazione dei centri storici, la formula dei servizi navetta gratuiti nelle occasioni festive e negli eventi di grande richiamo

In pratica si sosta a pagamento in rupe e ci si sposta con gli autobus gratuitamente nelle direttrici dei parcheggi. I vantaggi sono tanti: si va dalla nuova linfa per il commercio permettendo gli spostamenti senza necessità dell’auto nel centro storico, con i suoi mercatini e con i suoi negozi della tradizione, si sostiene la vita sociale della città favorendo l’incontro tra parenti ed amici senza la necessità di spostarsi su quattro ruote, si favorisce un turismo a basso impatto che non punti a cercare il posto più vicino possibile ai monumenti, si offre ai visitatori la possibilità di girare spensieratamente senza doversi ricordare dove si è parcheggiata l’autovettura, si riducono i consumi, il traffico, l’inquinamento aucustico, i fumi, i microtamponamenti e si permette ai cittadini, ed a chi viene da fuori, di partecipare ai numerosi eventi in calendario semplicemente prolungando gli orari del servizio.

Tutto molto bello ma chi paga?

«Questa iniziativa non solo potrebbe essere a costo zero ma, se ci basiamo sul bilancio consuntivo 2013 su cui sono stimate le previsioni d’incasso del bilancio 2014, ricordiamo che gli introiti dei parcheggi furono ridotti dato che nelle scorse festività erano gratis. Orbene, mantendo invece la disciplina che “chi vuole il posto in centro deve pagare”, avremmo i medesimi alti introiti dei periodi turistici che possono sopperire ai costi del trasporto pubblico. In subordine consideriamo anche che a parità di costo si impegnano più lavoratori diretti e dell’indotto e questo rende il “bilancio sociale” dell’iniziativa, se possibile, ancora migliore. Infine consideriamo che potremmo addirittura avere degli avanzi per le casse comunali»

In sede di consuntivo infine valuteremo gli eventuali utili residui da reinvestire già dal prossimo anno per una efficace campagna di Marketing Territoriale e promozione turistica “vieni ad Orvieto e gira gratis” sulla quale raccomandiamo di far convergere i fondi europei dell’azione comunitaria “Centri Commerciali Naturali” e, possibilmente, sponsorizzazioni private.

Abbiamo un’occasione per distinguerci in meglio, attrarre turismo, finanziamenti comunitari ed investimenti privati, risparmiare soldi del Comune, agire mantenendo l’occupazione, tutelare l’ambiente e rendere la città, nella sua centralità, più vivibile. Saremo in grado di coglierla?

Annunci