Giornata mondiale della Popolazione 2015

Sabato 11 luglio 2015, è la Giornata Mondiale della Popolazione, l’evento annuale, che ricorre l’11 luglio di ogni anno per aumentare la consapevolezza dei problemi demografici a livello globale. Orvieto, è uno di quei luoghi in plateale controtendenza, anzi rischia seriamente il declassamento a comune minore se scendesse sotto i 20.000 abitanti.

censimento orvieto

Il declassamento significherebbe tagli seri ai fondi ed alla possibilità di manovra del comune, al peso nelle strutture d’ambito, ed alla possibilità di mantenere presidii scolastici ed ospedalieri a lungo termine, soprattutto in vista dell’accorpamento tra le regioni. Così oggi mentre la politica e la cultura planetaria discutono dell’argomento di questa giornata voluta dal Consiglio direttivo del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite nel 1989, noi ci domandiamo quali politiche d’attrattività per le giovani coppie, e più in generale per l’incremento od il mantenimento demografico, siano state perseguite. Erano infatti uno di quei temi dibattuti in campagna elettorale e per il quale l’allora candidato Giuseppe Germani aveva espresso grande sensibilità. Inoltre ci chiediamo quali diamine di politica di sviluppo, industriale o semplicemente lavorativa, quest’amministrazione stia perseguendo. Ce lo domandiamo doverosamente, con la coscienza a posto di chi ha fatto il proprio dovere di contribuire alla politica cittadina con proposte ed impegno. La maggioranza che sostiene l’Amministrazione, ad esempio, ha voluto respingere una strategia di lavori comunali distribuiti basata sui voucher e subito dopo, nel QSV cittadino è emersa l’impossibilità di presenziare i parcheggi a pagamento per mancanza di personale, cosa che i Voucher avrebbero risolto al volo (senza necessità di dare appalti costosi, permettendo il presidio, a fini informativi e turistici, e con possibilità di whistleblowing e segnalazione dei mancati pagamenti) ed oggi i parcheggi, pur pieni tutto il giorno, rendono solo come se fossero occupati per tre ore o meno. Ricordiamo poi le tante iniziative pentastellate a favore dell’insediamento produttivo e della zona di Bardano che furono semplicemente liquidate e nessuno, di nessuna altra forza politica ha proposto praticamente nulla per quelle aree. Vogliamo parlare delle crisi Electrosys (su cui il governo risponderà in Camera dei Deputati all’interrogazione M5S martedì prossimo) o Tione? Vogliamo parlare del commercio? Della situazione del Borgo?  Delle politiche giovanili e per l’infanzia?

«Ci chiediamo, nel giorno in cui il mondo dibatte sull’aumento esponenziale della popolazione, come pensa questa Amministrazione di invertire la nostra tendenza di rapido invecchiamento ed incapacità d’attrarre giovani e lavoro, e ci facciamo questa domanda con la coscienza pulita di quelli che si sono messi in gioco, le soluzioni le hanno sviluppate e proposte, solitamente orientate a costi prossimi allo zero ed alla possibilità d’attrarre anche i contributi europei, siamo quelli che hanno combattuto per vederle realizzate e, messi in minoranza, se le sono viste respingere per poi oggi, a distanza, non vedere alcuna iniziativa, idea o progetto messo in campo concretamente dagli altri. L’Amministrazione ci faccia capire in questo giorno della Popolazione cosa abbia realmente fatto su lavoro, sviluppo ed attrazione di giovani coppie per la crescita e la sostenibilità nel tempo del nostro territorio.» Lucia Vergaglia, M5S Orvieto.

In questo giorno in cui l’aumento di popolazione è sentito come una minaccia in tante parti del mondo, la nostra controtendenza è una fortuna oppure no? I tanti gridi d’allarme sulla penuria delle nascite all’ospedale di Orvieto lasciano presagire un futuro d’incertezza e per mettere su una famiglia occorre fiducia, speranza o tanto coraggio. Su questi temi, noi del MoVimento 5 Stelle ne siamo certi, bisogna lavorare con politiche adeguate sia nel breve che nel lungo periodo, quindi gettiamo la sfida alla maggioranza Pd, Sel e Lista civica Pav: propongano loro delle iniziative concrete in tal senso, noi non ci tireremo indietro. E’ tempo d’agire.

2015_TimeforGlobalAction_LOGO_E_HIGHres2

Annunci