Il M5S sostiene il diritto alla Salute

Nel precedente Consiglio Comunale sono arrivati da parte della portavoce del Movimento, l’avvocato Lucia Vergaglia, due nodi cruciali delle questioni della sanità orvietana. Da un lato il funzionamento degli automatismi del CUP, il centro unico di prenotazione, che non rileva eventuali errori nelle attribuzioni delle fasce di esenzione Ticket costringendo i cittadini a ripetere le prenotazioni in caso di discrepanze contribuendo così ad intasare le liste d’attesa e su questo verte l’interrogazione che Lucia Vergaglia pone al Sindaco, nella sua veste di ufficiale di Stato preposto alla salute pubblica oltre che di rappresentante delle esigenze dei cittadini.

 
“L’opposizione deve fare la sua parte, il sindaco Germani la propria e l’obbiettivo non è far vedere chi è più bravo ma risolvere i problemi, per questo indichiamo precisamente dove agire e quali cambiamenti fare.” Lucia Vergaglia, M5S Orvieto

La questione che riguarda i sistemi informatici messi a disposizione da Umbria Salute, che sembrano non riuscire a gestire i dati che vanno prelevati dall’anagrafe assistibili, anch’essa gestita dalla stessa società consortile partecipata “in house” delle Aziende Sanitarie della regione Umbria, non è certo nelle responsabilità della sola Amministrazione cittadina, da sempre in relazioni strette con la locale Asl, ma è attraverso l’istituzione che si avvia il processo di risoluzione dei problemi o, in mancanza, si riesce a risalire per esclusione ai responsabili di una tale incresciosa situazione. Le interrogazioni sono i nostri mezzi di pressione e di trasparenza, servono a fare sentire quel fiato sul collo e rendere partecipi i cittadini di cosa sta succedendo perchè testimonino ai loro rappresentanti eletti e pubblici dipendenti esigenze e mancanze. Anche in questo caso abbiamo avuto risposte che se da un lato permetteranno ai nostri portavoce in regione di incardinare gli atti legislativi per risolvere i problemi dall’altro sono serviti ad evitare strumentalizzazioni ulteriori di questa crisi sanitaria riportando i problemi al centro del dibattito pubblico. All’ospedale sono state fatte nuove assunzioni ed aumentato l’organico intanto però le liste d’attesa restano lunghe. L’aver sollevato la questione della gestione che sta facendo Umbria Salute dovrebbe migliorare la situazione. Fossimo la maggioranza risolveremmo al volo.

Sempre quel lunedì di Consiglio all’ordine del giorno c’è stata in discussione la richiesta di inoltro all’assemblea legislativa della Regione Umbria (ALU) dei risultati della Commissione “Liste d’attesa nella sanità” approvate da tempo. Questa richiesta nasce dall’incontro pubblico con i Consiglieri comunali regionali del M5S, Liberati e Carbonari, organizzato ad Orvieto questa estate.

Maria Grazia Carbonari ha spiegato che da Orvieto, in relazione ad esempio dell’ospedale di Orvieto o delle liste d’attesa, non è giunto nulla all’assemblea legislativa che ne è preposta. Ora se il nostro Comune si accorda con gli assessori e le asl va bene, purchè si risolvano i problemi e si raggiungano i risultati. Le proteste di questa estate e di questo inizio settembre hanno evidenziato invece che i problemi aumentano ed i risultati si allontanano. Nel rispetto dei ruoli all’interno del Consiglio Comunale il Movimento ha chiesto, ed ottenuto, l’approvazione unanime dell’invio anche all’Assemblea legislativa dello studio fatto nel nostro Comune.

«Il diritto alla salute sul nostro territorio ha più di una minaccia: a cominciare dai tempi infiniti che richiedono certe analisi, alla quasi impossibilità di accedere a prestazioni pubbliche e non in convenzione ad esempio per la logopedia che qui da noi impegnerebbe ore uomo per oltre settecento pazienti secondo i dati ufficiali della Commissione sulle liste d’attesa nella sanità. Un bacino importante quello dell’orvietano, a cui si riferiscono cittadini che giungono anche da lontano e per il quale la Regione, a torto o a ragione, è indicata come principale responsabile dell’acuirsi dei problemi. Noi però andiamo oltre dato che la Regione è tutto e niente, non ci limitiamo alla protesta ma vogliamo la soluzione dei problemi ed, in caso non ci si riesca, nomi e ruoli dei responsabili. Per ora sappiamo che il lavoro fatto dal Consiglio comunale non è giunto in Assemblea legislativa, cioè nel luogo dove la regione Umbria legifera, cambia le regole ed attribuisce provviste economiche: è anche il luogo deputato al diritto di sindacato ispettivo cioè dove i consiglieri regionali possono risalire alle cause dei problemi sulla base di un documento formale o di un allarme concreto. Questa omissione, questo non utilizzare a piano la forza degli atti raccolti sulla sanità è incredibile e ci costringe a portarlo in discussione sperando in una unanime e compatta volontà dei rappresentanti eletti. Nel frattempo, c’è da chiarirlo, il fatto che i cittadini si riuniscano e protestino è comprensibile e giusto, anzi è doveroso, e siamo al loro fianco nei fatti, e dove non ci sono le bandiere dei partiti come ad esempio accadde con la marcia di SaveOrvieto, lo saremo anche nelle piazze.» Lucia Vergaglia, Movimento 5 Stelle Orvieto

Annunci

1 commento su “Il M5S sostiene il diritto alla Salute”

I commenti sono chiusi.