Il grande gioco delle liste civiche

VOTANO SEMPRE E SOLO COL PARTITO. NESSUNA DIFFERENZA. È IL SISTEMA GRAZIE AL QUALE HANNO GIOCATO IN 5 CONTRO UNO.

È così che funziona con i veri personaggi della politica cittadina che organizzano una lista a temi fintamente civici e si aggregano al candidato dei partiti.

È successo anche da noi con Toni Concina e con Giuseppe Germani eh, Fateci caso, indipendentemente dal proprio programma politico queste liste hanno sempre votato coerentemente col proprio partito di riferimento.

In pratica di civico non c’era nulla. E questo è un peccato di molto grave perché Riduce la fiducia nei confronti della politica e poi svuota di quella possibile contenuto che la società civile oppure potrebbe portare Ma fino adesso non è stata in grado di fare perché coinvolta ed alla fine Travolta dalle logiche dei partiti.

In questo 2019 già si stanno organizzando numerose sigle pronte a spalleggiare o meglio a tirare per la giacchetta i candidati dei maggiori partiti. Questo è lecito, legale, ma profondamente ingiusto; si tratta In effetti di dare spazio a molte correnti di uno stesso gruppo andando ben oltre ai limiti previsti dal legislatore e tentando di trarre in inganno il sistema di assegnazione dei seggi del sistema elettorale che vige nei comuni.

Non è un caso che a noi non piaccia il meccanismo delle alleanze previsto proprio per le comunali con il doppio turno. Saremo in ogni caso ben lieti di vedere una proposta originale e genuinamente civica, sarebbe qualcosa di nuovo e probabilmente arricchente per tutti quanti noi. Per lo stesso motivo siamo profondamente infastiditi dal replicarsi di liste fotocopia al servizio di questo o quel ex consigliere od ex assessore che punta solo a favorire direttamente ad allearsi ma non a portare una propria proposta originale nell’interesse dei cittadini e del territorio. Ecco questo sarebbe non utile e probabilmente dannoso proprio per i cittadini e per il territorio.

Annunci