Il miglior sindaco del mondo 2019

LA MIGLIOR SINDACO DEL MONDO SI CHIAMA VALERIA MANCINELLI ED È DEL PD, QUINDI UNA AVVERSARIA POLITICA, MA A LEI ABBIAMO INVIATO I COMPLIMENTI PER I RISULTATI ED IL GRANDE RISPETTO PER AVER PORTATO L’ITALIA IN TESTA A QUESTA COMPETIZIONE.

Miglior sindaco del mondo la prima cittadina di Ancona, Valeria Mancinellie. Questa la valutazione della fondazione londinese City Mayors Foundation relativa al 2018 che pone una italiana in vetta.

Le motivazioni della nomina.
«sotto la sua guida Ancona ha goduto di una forte crescita economica. Dal 2013, nonostante le grosse difficoltà del settore della cantieristica navale, ha creato una partnership tra città coinvolgendo pubblico, privato e popolazione. Ha tenuto il pubblico informato sulle sfide future, sui successi ottenuti e sulle difficoltà incontrate, non facendo promesse esagerate». «Durante il suo primo mandato – conclude worldmayor.com – le strade sono state sistemate, i parchi e gli spazi verdi sono stati ripuliti e le numerose attrazioni turistiche della città, comprese le sue famose spiagge, hanno nuovamente ottenuto recensioni di alto livello. E il settore della costruzione navale, una volta ritenuto moribondo, ha visto un risveglio. Ogni passo ha reso Ancona un po’ più vivibile, ogni passo ha aumentato la fiducia delle persone nel futuro della città».

Chiariamo subito che la Mancinelli è del Pd ma secondo noi va dato onore al merito a chi dall’Italia si afferma nel mondo indipendentemente dalla parte politica a cui appartiene pertanto la nostra portavoce Lucia Vergaglia le ha scritto per complimentarsi. Qui di seguito un estratto della sua lettera.

Orvieto, 12 febbraio 2019

《Erg. sig. Sindaco Mancinelli, gentile Valeria,

Da collega dell’opposizione al Suo stesso partito Le scrivo per esprimere personalmente la gioia di sapere che un primo cittadino italiano abbia, in tempi come questi, potuto rappresentare il meglio della nostra nazione in uno degli ambiti maggiormente messi sotto pressione dalle difficoltà e dalle sfide di questi anni: l’amministrazione locale […]

In un mondo che declina ancora al maschile il principio di prudenza e concretezza “come buon padre di famiglia” quando al tempo stesso il carico dell’amministrazione familiare é tutt’ora in larghissima parte sulle spalle delle donne diviene necessario dimostrare, coi fatti e giorno per giorno, non solo il superamento degli stereotipi ed il valore delle persone ma soprattutto che gli esempi, indipendentemente da quali orientamenti rappresentino e cioè se siano della propria parte oppure avversari e competitori, vanno riconosciuti e se possibile seguiti. E per questo, prima ancora dei complimenti, La ringrazio per il Suo ottimo lavoro e La abbraccio caramente.》Lucia Vergaglia, M5S Orvieto

Annunci