Programma

BENVENUTI: ECCO IL PROGRAMMA ELETTORALE PIÙ’ COPIA E INCOLLATO DELL’ULTIMO DECENNIO QUI AD ORVIETO (*).

Lunedì 12.05.2014 ore 11 presentazione ai cittadini del programma, scioglieremo tutte le riserve tranne i singoli progetti.

Mercoledì 14 arriva online la versione sintetica di quanto elaborato con i cittadini.

Grazie davvero a tutti i partecipanti ed anche a chi copia: in fondo anche questa è una bella vittoria.

Il programma che vogliamo e che vogliono i cittadini.

orvieto-5-stelleQuesta è l’idea di Programma Civico a 5 Stelle che ci è cara, sono tutte cose semplici, ovvie ed alla portata di tutti.

Non fanno leva su paure artificialmente indotte, non contengono promesse di milioni di posti di lavoro, non sono derive di vetuste posizioni ideologiche o partitiche, anzi, semplicemente, nascono dai cittadini per i cittadini.

E’ tutt’ora un work in progress su cui stiamo lavorando, per contribuire iscrivetevi a questo blog, su Facebook (http://www.facebook.com/Orvieto5Stelle) e partecipate agli eventi.

Prima di tutto le 5 stelle, nostro punto di riferimento, direttamente dalla “Carta di Firenze” del MoVimento 5 Stelle [Link]:

Ambiente
Ambiente

Maurizio Pallante
Acqua
Acqua

Riccardo Petrella
Sviluppo
Sviluppo

Matteo Incerti
Connettività
Connettività 

Maurizio Gotta
Trasporti
Trasporti

Beppe Grillo

Queste si inseriscono nei quindici punti civici (15) che vanno dall’acqua, rigorosamente pubblica ai costi ed alla trasparenza del Comune.

wordle programma bianco

  1. Ambiente: Pulizia, Vivibilità, Zero inquinamento, Zero rifiuti, Zero rischi ambientali
    1. Zero Inceneritori, rigassificatori e simili
    2. Raccolta differenziata in tutte le aree del comune, aprire un tavolo per definire fin da subito la strategia “rifiuti ZERO” basata sull’esempio di Capannori (LU).
    3. Incentivazione dei sistemi di compostaggio aziendali, condominiali e privati.
    4. Tariffazione puntuale sui rifiuti: chi più inquina più paga, chi meglio differenzia meno paga.
    5. Tracciabilità dei rifiuti a cominciare da quelli industriali, RAEE e pericolosi.
    6. Potenziamento e promozione del servizio recupero rifiuti ingombranti.
    7. Ricalibrazione del piano rifiuti, rivalutazione della VAS sul piano d’ambito ATI4. I conferimenti in discarica vanno prima ridotti e progressivamente azzerati.
    8. Divieto di conferimento da altri comuni, annullamento degli accordi con la struttura Inceneritore Terni. Fare rete con gli altri comuni, iniziando da Terni.
    9. Promozione della mobilità elettrica e non inquinante con accesso libero nelle ZTL
    10. Disincentivo alla vendita dei prodotti in Pet, ai distributori di tetrapak, ai distributori d’acqua da ufficio.
    11. Pianificazione Idrogeologica stringente e ripristino della sicurezza idrogeologica nelle aree coltivate, disboscate, incendiate, abbandonate. Rilievo dei torrenti, dei pozzi e dei corsi carsici. Rilievo e mappatura eventi franosi.
    12. Azioni contro l’impermeabilizzazione del suolo, azioni per il mantenimento dei microclimi.
    13. Obbligo d’utilizzo di stoviglie e posate riciclabili nelle mense e negli enti pubblici, lo stesso nei pubblici eventi.
    14. Promozione del riutilizzo a tutti i livelli.
    15. Incentivare il definitivo smaltimento dell’Eternit, verifica del Radon negli edifici pubblici ed in quelli privati.
    16. Opposizione alla costruzione di centrali geotermiche sull’Alfina. Inquinamento Zero!
    17. Riduzione delle RAEE attraverso la riduzione obsolescenze informatiche e la scelta di tecnologie a bassa manutenzione ed alta durata.
    18. Incentivazione al riutilizzo delle aree industriali dismesse in ambiti green ed in formule di riutilizzo sociale.
    19. Vigilanza ambientale: su variazione destinazioni in aree industriali ed artigianali, sulle fonti inquinanti, sulle acque, sulle fogne, sull’aria. Monitoraggio delle emissioni elettromagnetiche (antenne e radar) e della loro compatibilità con la salute.
    20. Sistemazione Parchi e Verde Pubblico, realizzazione di un Piano Parchi adeguato, contenitori per la differenziata in parchi ed aree pubbliche.
    21. Incentivazione ed avvio delle Buone Pratiche: KmZero, Gruppi Acquisto Solidale, Distretti di Economia Solidali, Agricoltura e Zootecnia con specie autoctone, biologico, riqualificazione edifici ed infrastrutture, impatto zero…
    22. Dematerializzazione dei documenti negli uffici e nelle scuole incentivando le comunicazioni digitali.
    23. Promozione dell’uso di pannolini/sanitari riciclabili.
    24. Incentivazione della distribuzione di prodotti alla spina e/o sfusi “come una volta”.
    25. Incentivazione dell’uso di borse multiuso /o biodegradabili.
    26. Misure contro il doppio/triplo imballaggio.
    27. Riutilizzo abiti e giocattoli incoraggiando e pubblicizzando l’apertura di negozi e fiere del riciclo.
    28. Raccolta differenziata spinta in tutte le scuole (classe per classe) rifacendosi al progetto realizzato dal Comune di Treviso ed estensione seguente a centri sportivi, strutture pubbliche, etc.
    29. Prosiego nello sviluppo dei centri riciclo tipo “Vedelago” già partiti, per l’ottimizzazione del recupero dei materiali riciclati ed il riutilizzo in edilizia degli scarti non riciclabili.
    30. Promuovere la partecipazione della pubblica amministrazione e del sistema scolastico a tutte le iniziative del tipo Giornata dell’Ambiente.
  2. Acqua bene di tutti: Pubblica – Zero Sprechi – Zero Rischi.
    1. Acqua pubblica! Subito le azioni di municipalizzazione! Azioni d’informazione e giornate nelle scuole sull’acqua.
    2. Quantità  pro-capite giornaliera minima a prezzo simbolico di 1 Euro; far pagare il surplus a costi crescenti in relazione alla crescita dei consumi.
    3. Incentivazione della realizzazione, nelle nuove costruzioni e nelle costruzioni esistenti, di vasche di accumulo di acqua piovana, per ridurre l’utilizzo di acqua potabile per lo scarico degli sciacquoni, e per l’irrigazione dei giardini.
    4. Incentivazione, dovunque sia possibile, degli impianti di fito depurazione.
    5. Rilevazione inquinamento corsi d’acqua nel territorio comunale con eventuale denuncia alle autorità  competenti.
    6. Promozione uso acqua potabile comunale a KmZero.
    7. Promozione detersivi a basso livello di inquinamento.
    8. Promozione del riutilizzo dei contenitori per l’acqua (Bottiglie di vetro).
    9. Risparmio nelle fontane monumentali con il ciclo chiuso, nelle fontane ad acqua potabile obbligo degli interruttori flusso a pulsante.
    10. Riduzione della presenza d’inquinanti nell’acqua (As minore di 5 microgrammi), riduzione delle perdite negli acquedotti.
    11. Distribuzione dei riduttori di flusso alla cittadinanza.
    12. Analisi qualitativa dell’Acqua allegata alla bolletta.
  3. Sviluppo: Zero Appalti Inutili, Saldi attivi nel lavoro e nel commercio, Inclusione e Crescita demografica
    1. Appalti pubblici (inclusione delle norme europee di trasparenza ed anticorruzione, banca dati dei vincitori degli ultimi appalti consultabile, divieto di subappalto nelle forniture e nei lavori al di sotto dei 500.000 euro; se vinci lo fai e basta senza lavoratori al nero, dichiarazione di responsabilità civile per l’appaltante che non garantisce requisiti salariali e di sicurezza di legge)
    2. Commercio (parcheggio gratis i primi 15 minuti in modo da favorire le piccole attività e non impegnare il parcheggio inutilmente, incentivi alla filiera corta ed al locale, sviluppo di un “centro commerciale naturale” lungo l’antica via dei mercanti, potenziamento del trasporto locale negli orari di lavoro, favorire la creazione di un centro di smistamento per la consegna in orari prestabiliti delle merci in ztl con navette ecologiche, sperimentazione di moneta locale “scecc”, trasporto merci intermodale con l’utilizzo anche della funicolare, ricalibrazione tariffe rifiuti “puntuali”)
    3. Sportello PAC per i contributi all’agricoltura: Il comune interverrà nella costituzionalità che si compone dei Criteri di Gestione Obbligatori, ovvero dei requisiti in materia di salute pubblica, benessere animale, sicurezza alimentare e delle Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali al fine di rendere più verde e sostenibile la Politica Agricola.
    4. Edilizia sostenibile (blocco di qualsiasi intervento che non rispetti il piano di assetto idrogeologico, incentivi alla bioedilizia, partecipazione dei costruttori all’urbanizzazione, incentivi al recupero del patrimonio edilizio senza consumo di suolo)
    5. Lavoro (assunzioni a termine nelle partecipate e nella rete di manutenzione degli immobili nel comune, incentivazione al telelavoro, riduzione dell’addizionale irpef locale per i telelavoratori, massiccio investimento nell’impegno tra un lavoro e l’altro dei disoccupati in ambiti sociali e/o formativi)
    6. Territorio (creazione del catasto incendi comunale, incentivo alla manutenzione del territorio con la gestione partecipata, creazione di un piano di assetto idrogeologico non consultivo ma vincolante, monitoraggio delle emissioni inquinanti, radon incluso)
    7. Urbanistica (revisione del piano regolatore, gara d’idee per capire cosa farcene dell’insediamento di Bardano e come trasformare l’abbandono in opportunità, pianificazione degli hub intermodali)
    8. Sicurezza (adeguamento alle moderne tecnologie dell’infrastruttura di controllo da mettere a disposizione delle forze dell’ordine, prevenzione del crimine moderno richiedendo aggiornamenti ed ispezioni, ad esempio, dei bancomat e dei sistemi di pagamento elettronico, favorire una cultura della prevenzione e della sicurezza nelle comunità scolastiche, adeguamento della segnaletica e della limitazione al traffico dei pedoni di strade pericolose come la via della Stazione, illuminazione notturna a basso consumo diffusa sul territorio)
    9. Turismo – una grande risorsa:
      1. Redazione di una pianificazione per la destagionalizzazione del turismo e per un’attrattività pluristagionale.
        Organizzazione semestrale di ospitalità per giornalisti di settore viaggi ed enogastronomia, ospiti della città e degli operatori del settore, così da generare nei mesi una ricca rassegna stampa internazionale, da utilizzare a livello promozionale.
      2. Turismo Congressuale (Orvieto città congressuale a piedi). Data la complessità della struttura urbanistica di Orvieto e la posizione geografica del proprio palazzo congressi, vogliamo promuovere Orvieto come “la prima città congressuale tutta a piedi”. Una volta arrivati in città, tutto avviene entro poche centinaia di metri quadrati (convegno, hotel, ristorazione, eventi, ecc). Sviluppo del comparto turismo congressuale nazionale ed internazionale, con relativa incentivazione di eventi e convegni organizzati presso il Palazzo del Popolo. Strutturazione di strategie ricettive coordinate fra gli hotel cittadini, per ospitare gruppi congressuali numerosi per tutto l’anno.
      3. Incrementare i tempi di permanenza del visitatore: nuove strategie sui pernottamenti, pacchetti ed offerte stagionali in alta e bassa stagione, offrendo sempre Orvieto come città vivibile 12 mesi all’anno.
        Riqualificazione e riorganizzazione dell’accoglienza degli autobus turistici, per facilitare l’accesso al centro storico ai visitatori.
      4. Strategie di lungo periodo con costante presenza comunale nei social forum, portali e blog dedicati al turismo.
        Aggiornamento/nuova realizzazione del portale web del comune in multilingua.
      5. Realizzazione di una app gratuita multilingua per smartphone e tablets, in continuo aggiornamento, dedicata ai visitatori cittadini con itinerari, eventi, attrattive, informazioni, servizi utili, ecc. La APP sara’ scaricabile gratuitamente o con un minimo contributo a pagamento all’arrivo in citta’ o in qualsiasi momento direttamente dallo store online.
      6. Cartellonistica e segnaletica turistica internazionale, multilingua, con la presenza di QR Code dedicati ai monumenti e alle attrattive cittadine.
      7. Implementazione di nuove strategie d’accoglienza, quali ad esempio mototurismo, cicloturismo, turismo naturalistico, ecc.
      8. Sull’esempio di altre città importanti iniziative come Orvieto EcoCapitale : il grande comprensorio di Orvieto, e la sua bassa densità di popolazione, offre la magnificenza di tanti e diversi ecosistemi, dal fluviale, al lacustre, dal sotterraneo, al boschivo ed una cura ed un’attenzione all’ambiente davvero unica.
      9. Realizzazione di un sistema telematico centralizzato fra le agenzie di viaggio e tour operator cittadini, con contatto diretto verso le agenzie nazionali ed estere con interesse per Orvieto.
      10. Organizzazione di mini-corsi di formazione linguistica gratuiti dedicati a tutti gli esercenti del settore (diretti ed indiretti, quali hotel, ristoranti, negozi, ecc).
      11. Pianificazione dei costi di biglietteria annuali (evitando di modificarli durante il corso della stagione, così da non creare disagi fra gli operatori)
      12. Riportare la centralità di Orvieto come punto di riferimento turistico, e non solo per i pernottamenti.
    10. Tutela e promozione dei prodotti locali, tutti
    11. Sblocco del mercato immobiliare. Incentivare l’acquisto di case sfitte, Tassazione progressiva immobili sfitti.
    12. Monitoraggio delle tariffe e qualità dei servizi dei rifiuti, acqua e trasporti parificandole con gli standard europei.
    13. Realizzazione di una tabella pubblica che fornisca ad imprese e cittadini la tariffa finale applicate dai gestori presenti nel comune per la fornitura di energia e gas.
    14. Incentivare la creazione di posti di lavoro e di iniziative economiche che producono benessere per la collettività locale e specialmente che coinvolgano la popolazione giovane e le donne.
    15. Nuova vita agli EX: Piano per l’utilizzo delle strutture immobiliari esistenti di competenza comunale (Ex Ospedale, Ex Caserma, Ex insediamenti produttivi, e, tra poco, l’Ex tribunale). Per l’utilizzo, NON per la dismissione.
  4. Trasporti, mobilità viabilità: Zero Biglietto, Zero Rischi nelle aree urbane, Zero Traffico
    1. Mezzi pubblici: Devono essere ACCESSIBILI e quindi vengano ripristinate scale mobili ed ascensori dove presenti, potenziamento corse da e verso i parcheggi, aumento dell’orario funicolare, progetto gratuità del biglietto autobus che attualmente rappresenta meno del 10% del costo del servizio (sull’esempio di Tallin), abolizione del controllo destinato ad altre attività, bike sharing comunale
    2. Viabilità: Riduzione delle eccezioni ai divieti, limite di velocità a 30Km orari nelle aree cittadine rupe, interno Ciconia, creazione di una viabilità alternativa ciclabile, messa a dimora supporti per il parcheggio bici, armonizzare il rapporto posti auto – posti moto, rivisitazione piano della viabilità in rupe; Orvieto è sembra tagliata in due: da rifare!
    3. Ferrovia: Rafforzare l’utilizzo del trasporto ferroviario mantenendo gratuiti i parcheggi e funzionanti le strutture per anziani e diversamente abili. Fare rete con i comuni collegati per ottenere dalla regione acquisto pacchetti traffico.
    4. Merci: Armonizzare il trasporto merci nel centro storico a standard superiori (mezzi più piccoli e silenziosi, a regime hub merci, intermodalità), divieto d’introduzione sul territorio di sostanze pericolose, radioattive, velenose, esplosive ed OGM.
    5. Ciclabile: Introduzione del Bike Sharing Comunale, parcheggi bici obbligatori presso scuole ed enti pubblici, hub bici e ciclabili presso i grandi parcheggi (Caserma Piave, Piazza Cahen, Ex Campo della Fiera, Ferrovia, Il Borgo, Scuola di Ciconia ecc…). Di converso bici a mano nelle aree pedonali.
    6. Motocicli: Aumento parcheggi motocicli e scooter, incentivi alla realizzazione colonnine per la ricarica dei motocicli elettrici e per le bici a pedalata assistita.
    7. Trasporto Animale: Eccezion fatta nelle feste agresti e rievocazioni storiche il trasporto animale in aree urbanizzate va ulteriormente disincentivato.
    8. Trasporto Umano: Incentivare i Risciò ad uso turistico, prevedere convenzioni park&rent con gli operatori privati.
    9. Trasporto Scolastico: Scuolabus con tariffa ed alimentazione sostenibile.
    10. Mobilità Privata: Incentivazione dei veicoli elettrici attraverso l’installazione di colonnine di ricarica pubbliche e privilegi nelle regole di circolazione (es. parcheggi,  ZTL).
    11. Mobilità Turistica: Favorire l’accesso alle aree parcheggio per i turisti, costo giornaliero sostitutivo di quello orario, card prepagata per l’accesso ai vari parcheggi a costo scontato per incentivare la stanzialità. Potenziamento segnaletica. Accesso ai servizi Park&Rent per la mobilità in bici-risciò.
    12. Mobilità & Privilegi: Eliminazione dei privilegi di sosta al Sindaco, ai Consiglieri ed agli Assessori, eliminazione delle auto blu e sostituzione con bici elettrica.
  5. Connettività ed informazione: Cittadinanza e Democrazia Digitale, Smart City, Agenda Europa 2020 
    1. Accesso: Accesso alla rete ed ai servizi comunali gratuito per ogni cittadino, aree wifi libero per i visitatori.
    2. Connettività: Copertura completa di connettività a livello di territorio.
    3. Connettività Mobile: Introduzione dei ripetitori Wimax-Hiperlan per l’accesso mobile e diffuso alla Rete.
    4. Connettività qualificata: Partecipazione degli enti locali al GARR-X.
    5. Intelligenza: Piano Orvieto Smart City, adesione ad Agenda Digitale Umbria.
    6. Informazione Generale: Siti e Social Network del Comune rispondenti ai criteri di Usabilità ed Accessibilità (per i diversi strumenti d’accesso quali, ad esempio, lettori braille), QR Code e shortlink nella comunicazione sociale e turistica.
    7. Conflitti d’Informazione: Divieto della partecipazione azionaria da parte di enti pubblici o para pubblici del comune a società editoriali.
    8. Cittadinanza Digitale: Tessera Sanitaria SMART come nella regione toscana e come Carta Comunale dei Servizi per l’accesso telematico e gratuito ad atti pubblici, imps, atti del tribunale circondariale (Terni), Stato Pratiche Inviate Pubblica Amministrazione (SUAP), ISEE, Fascicolo Sanitario, Fascia di Esenzione dal Ticket, Dichiarazioni ed Istanze a Distanza. Con distribuzione pilota dei terminali di lettura di smart card e progressiva estensione alla cittadinanza.
    9. Democrazia Digitale: Streaming e podcast delle sedute del consiglio, leggi ed ordinanze future anticipate sul web alla cittadinanza, spazi proposte e discussioni, forum per Orvieto, Question Time con i cittadini via Skype o social.
    10. Piano di aggiornamento e compatibilità tecnologica nel quadro di #UmbriaDigitale.
    11. Coinvolgimento dei Linux User Group (LUG) locali nei tavoli tecnici.
    12. Rendere accessibile “a distanza” la nostra biblioteca ed i nostri musei.
  6. Energia: Pulita, Rinnovabile, Disponibile, Sicura e con Zero Spreco
    1. Riduzione dei consumi energetici comunali di almeno il 10%
    2. Incentivazione Energie alternative pulite: MicroSolare e Microeolico
    3. Cogenerazione energetica obbligatoria negli enti pubblici
    4. Sicurezza energetica (continuità energetica, antincendio) in misura superiore ai minimi di legge negli edifici pubblici
    5. Sostituzione progressiva della mobilità comunale con mezzi a basso consumo e zero inquinamento (Metano, elettrico ecc…)
    6. Agevolazioni sulle anticipazioni bancarie e semplificazioni normative per i contratti di ristrutturazioni energetiche col metodo ESCO (energy service company), ovvero effettuate a spese della ditta esecutrice e ripagate dal risparmio economico che ne deriva
    7. Incentivazione della produzione distribuita di energia termica con fonti rinnovabili in piccoli impianti finalizzati all’autoconsumo.
    8. Piano di incentivazione al risparmio termico negli edifici.
    9. Riqualificazione degli edifici pubblici per il risparmio termico, sostituzione dell’illuminazione con led, temporizzazione energetica per ridurre i carichi di standby, installazione pannelli solari e tegole solari.
    10. Strategie Smart Cities orientate al corretto consumo energetico.
  7. Servizi ai cittadini: Nessuno Escluso!
    1. Per gli anziani: Università, corsi per la terza età, attività sociali potenziate, autobus gratuiti, tessera taxi in convenzione per gli over 80 che debbano fare visite specialistiche.
    2. Per i bambini: festival del gioco, studio della storia e lingua locale, rievocazione ludica  con i giochi di una volta, divieto di vendita e consumo bevande alcoliche e sigarette, parchi disponibili, puliti e sicuri, una scuola di qualità ispirata al modello finlandese, senza zaino, che prepari davvero i cittadini del futuro, l’accesso sin da piccini alle tecnologie ed al saper fare, sicurezza dell’ambiente e mense con produzioni locali
    3. Per i giovani: Corsi di aggiornamento lavorativo, istituzione di una sala di telelavoro con collegamento gratuito per i lavoratori a distanza dotata anche di lettori braille, corsi d’inglese gratuiti, lavori a termine nelle municipalizzate, creazione della rete di manutenzione degli immobili che sia al tempo stesso scuola per elettricisti idraulici ecc… che strumento d’intervento per case popolari e famiglie disagiate
    4. Per la famiglia: assistenza domiciliare, reti locali di supporto per i bimbi tipo ludoteche pomeridiane, bonus conto energia e supporto economico allargato ai lavori di manutenzione casalinga, camera di deposito e scambio elettrodomestici funzionanti, Per favorire l’economia locale, introduzione dei buoni di solidarietà. Strumenti contro il disagio e l’esclusione sociale, lotta all’emarginazione: le famiglie sono il primo baluardo quando un loro congiunto è in difficoltà ed il comune sarà al loro fianco.
    5. Per chi è in difficoltà, malato, diversamente abile o solo temporaneamente indebolito dagli eventi il comune provvederà  in primis attraverso la famiglia, ma anche direttamente al sostegno nelle forme e con gli strumenti e la conoscenza che il progresso attuale ha messo a disposizione.
    6. A fronte di gravi emergenze: giornate informative nelle scuole, esercitazioni pubbliche, pianificazione, responsabilizzazione dei consigli di zona in primi baluardi d’intervento (messa nella loro disponibilità spargisale, pale da neve, radio, gruppo elettrogeno, kit di primo soccorso, coperte, tende e piani dettagliati per le sciagurate eventualità cui il territorio italiano ci ha tristemente abituato), potenziamento della protezione civile per le emergenze neve ed idrogeologiche.
    7. Per il Sociale: Piano associazioni e volontariato con disponibilità gratuita di sale conferenze e spazi aperti per le produzioni culturali delle associazioni no profit quando liberi da concessioni a privati a titolo oneroso. Gratuità della pubblicità delle iniziative di tali associazioni, eventi ed attività sociali promossi dal comune.
    8. Per l’immigrato: potenziamento delle strategie d’inclusione sociale anche con l’accesso ai nuovi fondi europei di coesione
    9. Contro: l’abbandono ed il maltrattamento dei minori, la violenza sulle donne, l’omofobia, la xenofobia, l’abuso quando in posizioni dominanti, il maltrattamento degli animali, la violenza privatae la violenza comunicativa
    10. Per: una società più giusta, equa, libera dalle paure e dal bisogno, che tenda ad uno sviluppo forte, rispettoso dei beni comuni come il territorio, la bellezza dei panorami, la storia delle comunità, uno sviluppo che sia solido e duraturo nel tempo, in cui quale i cittadini siano riconoscibilmente protagonisti della direzione che le amministrazioni pubbliche prenderanno. Società della partecipazione e della crescita comune.
  8. Stato, Comune e Cittadini: Zero Rimborsi Elettorali, Zero Casta, Zero Sprechi
    1. Azioni per l’abolizione e la prevenzione dei rimborsi elettorali.
    2. Azioni per l’accorpamento dei Comuni sotto i 5.000 abitanti: utilizzo del personale in esubero per pianificazione strategica e la raccolta puntuale delle informazioni necessarie per l’accorpamento ad Orvieto.
    3. Azioni per la riduzione a due mandati per qualunque carica pubblica.
    4. Divieto di cumulo delle cariche per i parlamentari (esempio: sindaco e deputato) nello Statuto del Comune.
    5. Non eleggibilità a cariche pubbliche per i cittadini condannati nello Statuto del Comune.
    6. Partecipazione diretta a ogni incontro pubblico da parte dei cittadini via web, come già avviene per Camera e Senato.
    7. Approvazione di ogni norma subordinata alla copertura finanziaria con accantonamento di fondi riserve.
    8. Pubblicazione del bilancio e delle norme per la discussione online ben prima della discussione.
  9. Sostenibilità, Sanità e Salute
    1. Adeguamento strutture destinate a prevenzione e cura.
    2. Potenziamento cure domiciliari, in special modo agli anziani.
    3. Abbattimento barriere architettoniche.
    4. Informazione alla cittadinanza sulle problematiche concorrenti a rischi per la salute (per esempio sulle tematiche: inquinamento da radon, della falda, atmosferico).
    5. Progetti integrati di promozione della salute (ad esempio su educazione alimentare, sport, percorsi integrati per i bambini, integrazione di chi proviene da paesi con differenti problematiche sanitarie) in collaborazione con le moltissime associazioni e professionalità del territorio.
    6. Misurazione della qualità dei servizi medici ed ambulatoriali.
    7. Controllo della filiera della prevenzione (sicurezza sul lavoro, sicurezza stradale, sicurezza degli edifici).
    8. Introduzione della valutazione d’impatto ambientale “sanitario” per le costruzioni e per gli emettitori radio (inclusi quelli wifi e reti cellulari).
    9. Potenziare gli strumenti di consulta e renderli disponibili gratuitamente e con mediazione culturale per chi proviene da altri paesi e vive nel territorio.
    10. Obbligatorietà nelle mense pubbliche per l’utilizzo di prodotti del territorio e di filiera corta.
  10. Trasparenza
    1. Amministrazione partecipata.
    2. Ascolto delle proposte dei cittadini, raccolta via web ed analisi nei primi 100 giorni, pubblicazione per la discussione in consiglio comunale.
    3. Modifica statuto comunale per l’introduzione e regolamentazione del referendum deliberativo senza quorum.
    4. Realizzazione del Consiglio Comunale del Futuro, un consiglio comunale composto da giovani tra i 14 ed i 18 anni non compiuti le cui proposte saranno dibattute, ed eventualmente approvate, in consiglio comunale.
    5. Bilancio Comunale Partecipato
    6. Piano Regolatore Partecipato.
  11. Futuro
    1. La Città Intelligente: Partecipazione al progetto Europeo Smart City
    2. Fondi Europei: Utilizzo attivo dei Fondi di Coesione Sociale, sportello europeo per startup ed imprese che vogliano accedere ai fondi, corsi ed eventi ad hoc.
    3. D’Orvieto: Valorizzare la cultura locale, le tradizioni e il dialetto ma favorire lo scambio culturale e l’accoglienza
    4. Il futuro cittadino: Promuovere la partecipazione dei cittadini più giovani alla vita politica del loro comune
    5. Dentro Orvieto: Comporre un solido tessuto sociale, sviluppare le reti di vicinato, ridare fiducia nel futuro e sostenere la natalità e la famiglia, sostenere le zone rurali e periferiche.
    6. Radici ad Orvieto: Piantare qualche albero in più nelle zone residenziali e commerciali: “un albero per ogni Orvietano, un’albero per ogni impresa, due per ogni auto”.
    7. Idee per Orvieto: Concorsi di idee con premi sulle tematiche di competenza comunale, esposizione pubblica e web dei progetti relativi alle gare espletate nel comune.
    8. Orvieto Cresce: invertire la crescita demografica negativa avuta dal territorio e puntare l’obbiettivo ambizioso del raggiungimento di 100 abitanti per Kmq. Portare anche il Pil procapite a medie più elevate.
    9. Comune Esteso: aggregazione dei comuni con meno di 5.000 abitanti nel circondario di Orvieto.
    10. Titolo di Città: il riconoscimento di Città per il Comune di Orvieto attraverso apposito decreto della Presidenza della Repubblica nell’anno 1953 quale appartenente a comuni “insigni per ricordi e monumenti storici e per l’attuale importanza” sembra essere stato dimenticato. Nella comunicazione istituzionale e nei rapporti con gli enti si tornerà a parlare di Città di Orvieto invece che del Comune di Orvieto.
  12. La Città ed il Comune
    1. Maggior controllo sulle spese comunali, riducendo le consulenze esterne inutili.
    2. Pubblicazione sul sito comunale degli stipendi degli amministratori pubblici.
    3. Rifiuto di utilizzo dei derivati e di ogni forma di speculazione finanziaria.
    4. Riduzione del 10% del gettone di presenza nelle commissioni e nei consigli quando non destinato ad enti benefici od al sostegno sociale.
    5. Abolizione di eventuali extra gettoni di presenza in consiglio qualora la seduta si protragga oltre la mezzanotte.
    6. Abolizione del gettone di presenza in caso di ritardo o di uscita anticipata, non giustificata
    7. Utilizzo dell’open source e del cloud computing nella pubblica amministrazione
    8. Riduzione delle obsolescenze tecnologiche
  13. Cultura ed eventi culturali:

    1. Creazione di eventi culturali, quali rassegne, eventi enogastronomici, storici, nei mesi di minor affluenza turistica (eventi destagionalizzati).
    2. Sfruttamento di spazi costantemente dedicati a presentazioni e conferenze relative a libri, album musicali, nuove realizzazioni artistiche, mostre, ecc. Locali comunali dedicati ad iniziative culturali ed artistiche per scolaresche, cittadini, aziende.
    3. Mostre permanenti di artisti locali in ambienti comunali aperti al pubblico.
    4. Riorganizzazione della Biblioteca Comunale e della Sala Eufonica cittadina. Miglioramento orari e servizi offerti.
    5. Riconversione di spazi gia’ disponibili e pronti per futuri eventi di rilevanza (Fortezza Albornoz, Ex Chiesa del Carmine, ecc).
    6. Realizzazione di segnaletica bus turistici a partire dal casello autostradale fino in centro.
    7. Nuova organizzazione dell’assistenza al turista, sin dai primi punti di accesso cittadini: casello autostradale, stazione ferroviaria, parcheggi pubblici, funicolare.
    8. Organizzazione di corsi di formazione per le attivita’ cittadine di accoglienza al visitatore, con training linguistico di base, terminologia turistica, suggerimenti su scrittura di Email di prenotazione, acquisto prodotti, ecc.
    9. Integrazione di sistema chat online gratuita per il turista gia’ arrivato in citta’ o in procinto di arrivare, in filo diretto con l’Ufficio del Turismo cittadino.
    10. Valorizzazione dell’intera filiera culturale orvietana
    11. Partecipazione qualificata a progetti di studio, ricerca, valorizzazione e fruizione dei beni culturali ed accesso ai fondi filantropici dedicati ai beni culturali.
    12. Redazione di un progetto integrato sulla presenza della città d’Orvieto nelle arti popolari quali cinema, letteratura, musica e fumetto.
    13. Recupero e valorizzazione di iniziative uniche e promettenti (Premio Rodari, Bibliobus).
    14. Fare rete con altri grandi eventi sul modello di UJW, per la stagione fredda.
    15. Creazione di un vero assessorato alla cultura.
  14. Identità:

    1. Creazione del “Museo del Corteo Storico”, in forma di museo diffuso sul territorio
    2. Attivare nelle scuole specifici capitoli di storia, cultura, geografia e tradizione locale.
    3. Incentivazione, con un premio, di pubblicazioni in lingua Orvietana
    4. Riportare la toponomastica tradizionale od originale ove possibile, anche attraverso strumenti tecnologici (Qr code)
    5. Valorizzare la cucina tradizionale e storica del territorio
  15. Priorità: Partecipazione, risparmio e sviluppo.
Questo è e resterà un work in progress che sarà aggiornato con suggerimenti e proposte che arrivano dai cittadini e che verrà integrato con “libri bianchi” dedicati a specifiche tematiche come i progetti per l’ex Caserma, le azioni turistiche, le azioni del comune a favore della pubblica sicurezza, del turismo, delle buone pratiche amministrative, dei rapporti con regione e stato ecc…
*) le voci turismo, eventi, cultura, identità e priorità sono state, di proposito, aggiunte dopo la presentazione degli altri candidati alle amministrative #Orvieto14.
Infatti non sono state copiate (se non nelle parti anticipate su altri articoli di http://www.orvieto5stelle.com
Annunci

5 pensieri riguardo “Programma”

  1. istruzione e scuole, secondo me va approfondita un pò la questione… occorre maggiore specificità sui progetti e sul programma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Infopoint del gruppo consiliare MoVimento 5 Stelle Orvieto e del MeetUp Orviato 5 Stelle.

Visit Orvieto

Probably the most beautiful, memorable, and enjoyable hill towns in central Italy.

5 MINUTI PER L'AMBIENTE

SOCIALBLOG DEDICATO ALL'AMBIENTE

L'ECOrvietano

#Sostenibilità, #Territorio, #Ambiente, #RifiutiZero

Amministrazioni Sostenibili

Progetto sperimentale per la riduzione e il riutilizzo dei rifiuti del Comune di Mentana

Cinisello Balsamo 5 Stelle

"Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere" (Mahatma Gandhi)

Alfredo Parisi

Don't be bored, do something!

LibreUmbria

Progetto di adozione di LibreOffice nella PA umbra

Minuzie

Occuparsi di un solo argomento non è solamente inutile. E' dannoso.

Bagno a Ripoli 5 stelle

MoVimento 5 stelle - BeppeGrillo.it

Carta scampata

Discorsi sui libri e viaggi di sola andata

Un altro orizzonte

Il taccuino degli appunti di Giovanni Scrofani

Tutte cose

l'ironia è il sale della democrazia

Luca Conti's Blog

Digital marketing consultant, Italian author and journalist

Blog di Silvia Fossi

Blog ufficiale di Silvia Fossi con commenti, approfondimenti ed opinioni sui fatti di attualità.

Thomas De Luca

Portavoce M5S - Consiglio Comunale di Terni

Tra nebbia e fango

Alla negazione della libertà, e perfino della possibilità della libertà, corrisponde la concessione di libertà atte a rafforzare la repressione. H. Marcuse

Circolo Uaar di Terni

Just another WordPress.com site

movimento5stellefoligno

Non siamo un partito non siamo una casta....siamo cittadini punto e basta

umbertide5stelle

Smile! You’re at the best WordPress.com site ever

castello5stelle

MoVimento 5 Stelle di Citta' di Castello

orvietodomani

Immagini e testi per una Orvieto possibile, una moderna Smart City europea fiorita intorno allo splendido centro storico...

Monica Riccio

l'unico modo per far avverare i propri sogni è svegliarsi ...

il Camper de Noattri

Camperisti sfegatati in giro per il mondo

The Connective World

Siamo i Custodi della Percezione, i Guardiani degli Angeli Caduti in Fiamme dal Cielo, Lupi Siderali. Un gruppo di liberi pensatori indipendenti. Viviamo nel cyberspazio, siamo dappertutto. Non conosciamo frontiere.

Risultati M5S

Che cosa ha fatto il M5S? Qui la raccolta dei risultati e delle promesse mantenute! #risultatiM5S

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: