Archivi tag: caserma piave

Università o Tribunale alla ex Caserma Piave di Orvieto?

RAPPORTI CON LE UNIVERSITÀ? NOI SIAMO IN PRIMA LINEA. MA RINUNCIARE ALLA CORTE EUROPEA È IRRESPONSABILE.

di Silvio Torre.

Ben vengano gli accordi e nuovi corsi universitari come ha spiegato in pubblica Assise sia dal professor Bizzarri che dagli esponenti del Csco, Centro Studi città di Orvieto, E dov’è che addirittura l’idea progettuale di un Campus Universitario anche se in era di università on-line diventa più difficile immaginarlo rispetto agli anni 90. È magnifico vedere tanti giovani che vengono da altre nazioni qui città a studiare e conoscerci, incontrarsi, e render vive alle nostre strade insieme a tutti noi. Tra l’altro da commerciante ho un ottimo ritorno della nuova presenza ed un grande ricordo visto che da lontano rimaniamo ancora in contatto e continuano a promuovere sia noi che la città ed il territorio.
Però ragazzi ostacolare in questo momento delicato della trattativa la possibilità di portare il Tribunale europeo unificato dei brevetti qui ad Orvieto ci è sembrata e ci continua a sembrare una roba da irresponsabili.
E hai voglia a dire noi segmentiamo gli spazi… vediamo di cosa hanno bisogno…
Si doveva aspettare la fine della trattativa o mettere in mezzo l’idea delle università quando era il momento cioè un minuto dopo le elezioni a sindaco di Orvieto.
In ogni caso il protocollo parla del singolo programma E non dirmi che un campus ad una università. Un programma che può benissimo essere ospitato nelle sedi attualmente disponibili e certo non necessita di 55000 metri cubi dell’imponente ex caserma Piave.
Insomma per dare lustro a una “non notizia” si è rischiato di affondare una delicata trattativa.
So che Movimento 5 stelle con Lucia Vergaglia ha chiesto il carteggio cronologico completo relativo alla ex caserma degli ultimi mesi per ricostruire nei fatti l’andamento della vicenda e cercare di metterci una pezza.

Però se la trattativa salta qualcuno si dovrà assumere la responsabilità di spiegarlo agli orvietani.

Annunci

Cinema. Una risorsa da valorizzare

Inizia in questi giorni la lavorazione del film “Il giorno dopo” grazie anche alla collaborazione ed alla logistica curata con la locale associazione Umbria FilMovie. Orvieto è ricca di location suggestive e particolarissime e con il suo circondario potrebbe ritagliarsi uno spazio di riferimento importante.

Già nel lontanissimo 1898 nella nostra città fu scelta dall’inglese British Mutoscope & Biograph Company per un documentario sulla processione del Corpus Domini. Cinema muto, in bianco e nero. Per arrivare al colore ci vorranno lunghi anni col “Barabba” di Richard Fleischer, con Antony Quinn e Vittorio Gassmann e con “Io la conoscevo bene” con Stefania Sandrelli e Nino Manfredi. Nei nostri pressi, nella zona di Montecchio, a Melezzole, fu girato “Una pura formalità” di Giuseppe Tornatore del 1993, con Gerard Depardieu, Roman Polansky e Sergio Rubini. Gianni Amelio muoveva i primi passi nel mondo della regia e sceglieva le incantevoli chiese di Orvieto come scenografia per la RAI. con la produzione sperimentale “La città del Sole”. Più recentemente ad Orvieto sono stati girati “La casa Bruciata” di Massimo Sanno con Giulio Scarpati e Ornella Muti e la fiction televisiva “Il bello delle Donne”.

io la conoscevo bene orvieto

Ecco quello della presenza mediatica cinematografica e televisiva, a nostro avviso, può essere un elemento di valorizzazione importante del territorio per il quale anticipiamo la proposta di iniziative invitando le forze politiche di maggioranza ed ex maggioranza a proporne a loro volta. Si pensi ad esempio quanta influenza la fiction Don Matteo abbia nel comparto turistico di alcune cittadine della nostra regione o quanto abbia influenzato la scelta di viaggio dei nipponici un singolo film, Amarufi: Megami no hôshû,  da (soli) 10 milioni di euro ambientato ad Amalfi, con Rocco Papaleo, praticamente sconosciuto qui in Italia.

In base a queste premesse invitiamo l’Amministrazione a cogliere l’occasione odierna per iniziare un percorso di dialogo e partecipato con le realtà locali che hanno visto allontanarsi e perdersi vestivale ed eventi che avrebbero potuto promuovere la nostra città come location cinematografica, in special modo il locale festival del fumetto, Orvieto Comics, ed il Fantasy Horror Award internazionale che pure aveva attratto tanti attori e registi.

Questi rapporti e relazioni vanno ricuciti, la presenza di Orvieto nel panorama cinematografico e delle fiction va  assolutamente promossa e sostenuta. Non è solo un’affermazione culturale od una strategia di marketing territoriale, deve essere ul vero volano di sviluppo che questa nuova epoca di nuovi media può garantire a chi voglia coglierne l’opportunità.

A margine osserviamo che è sempre di oggi la polemica in base alla quale gli spazi utilizzati dal Umbria FilMovie e l’intera ex Caserma Piave risultino essere inagibili, e con loro risulterebbero esserlo anche quelli occupati per lungo tempo dalla protezione civile oppure lo spazio concesso per i pregiati costumi, metalli istoriati e tessuti della Lea Pacini, quelli del Corteo Storico per intenderci. La questione la pone Cittadinanza Attiva che si è vista negare l’utilizzo di spazi nell’ex Caserma per questioni di agibilità a fronte di un riconosciuto ed eccellente impegno sociale. Incredibile!

A lungo l’Assessore Andrea Vincenti ci ha rassicurati sul prossimo regolamento di utilizzo degli spazi dell’ex caserma, sia in sede di QSV che in altre occasioni pubbliche. E’ fondamentale che le attività che portano lustro alla nostra città e che andrebbero ulteriormente sostenute non vengano danneggiate, e che sia fatta chiarezza su questa vicenda dell’agibilità. In quegli stessi spazi infatti insistono i parcheggi dei cittadini e gli stalli di stazionamento degli autobus e non è pensabile che si faccia un’operazione del genere in aree inagibili.

Chiediamo pubblicamente una parola di chiarificazione all’Amministrazione ed, eventualmente, la ricognizione delle ordinanze passate che, soprattutto se conflittuali tra di loro, risulterebbero carenti dei requisiti di legge e cagionerebbero ingiusto nocumento alla cittadinanza.

Uno scandalo il parcheggio-discarica del centro storico di Orvieto

Dopo una campagna elettorale nella quale l’ex caserma Piave veniva presentata dall’allora candidato Germani come un fiore all’occhiello da valorizzare, ed intorno alla quale vi sono le speranze dei cittadini e tantissimi progetti di rilancio inascoltati, l’amministrazione l’ha trasformata in un parcheggio “discarica”.

Vi si spostano, deportano e scaricano le strisce bianche dei residenti, che non potranno più parcheggiare a Piazza Cahen, si attivano alcuni posti “disco”, essenzialmente a servizio di chi va negli uffici comunali adiacenti ad esempio a pagare le multe, e cento posti a pagamento pagabili, udite, tramite smartphone tanto per ignorare del tutto le proposte del Qsv di usare un sistema che “riconosca” i residenti e gli abitanti delle zone limitrofe come la tessera sanitaria per i lettori magnetici che già abbiamo,  e portare avanti un idea esclusiva dell’amministrazione per la quale già avevano chiesto, ahinoi, i preventivi.

lucia01

«Ricordiamo bene che la piazza d’armi dell’ex caserma era il parcheggio degli orvietani, un parcheggio gratuito, reso indisponibile per “piazzare” gli abbonamenti ai parcheggi sotterranei di via Roma in quegli anni che ad Orvieto non si era ancora partiti con la differenziata che c’è oggi, con i camion piccoli che girano il centro storico e che portano la spazzatura raccolta ai camion grandi in attesa sia nella stessa piazza d’armi, come fossero delle discariche mobili a cielo aperto, sia all’ingresso dell’ex caserma in via della stazione dove il lato entrando a destra è da tempo un coacervo di olezzi. Uno schifo che i turisti in visita conosceranno come primo ed ultimo profumo della città» Così commenta Lucia Vergaglia, capogruppo del M5S, alla lettura del dispositivo appena pubblicato «E’ uno scandalo poi che in barba alla tanto vantata partecipazione del Qsv, in cui nessuno si è mai sognato di proporre niente di simile, vengano presentate in un tavolo tecnico ristretto, a cui non siamo stati invitati soluzioni così invasive e per nulla condivise. E’ uno scandalo che ai pochi politici dell’opposizione invitati sia stata presentata questa delibera della giunta già esecutiva sin dal giorno 10 luglio, altro che Qsv, altro che partecipazione. E’ uno scandalo l’arroganza con cui si stravolgono le regole ed il rispetto istituzionale ed è scandaloso che le decisioni di giunta esecutive vengano pubblicate a giochi fatti due settimane dopo. E la chiamano trasparenza amministrativa? Io la chiamo paura del confronto. Quanto ai concittadini trattati come sacchetti e sballottati per mezza città, giustamente ammorbati ed infuriati per l’ennesimo colpo di mano estivo, non posso che esortare alla calma ed a richiedere ai propri rappresentanti della maggioranza di rispettare, senza interpretazioni strumentali e fantasiose, le esigenze esposte nei momenti di partecipazione come il Qsv. Noi del Movimento 5 stelle dall’opposizione prenderemo misure ed iniziative per limitare i danni, ma chi ha dato forbici e stoffa a questa maggioranza si renda conto dei danni che stanno facendo e se ne ricordi sempre.»

Continua a leggere Uno scandalo il parcheggio-discarica del centro storico di Orvieto