Archivi tag: paesaggio

Tordimonte e la rete regionale di valorizzazione.

LA GRANDE AREA CHE SPAZIA DAL CASTELLO DI TORDIMONTE DOVEVA RIENTRARE IN UN CIRCUITO DI VALORIZZAZIONE ANCORA FERMO AL PALO.

Si chiamava “Studio di fattibilità. Rete regionale per la valorizzazione di ville, parchi e giardini nel paesaggio rurale. Servizio promozione e valorizzazione sistemi naturalistici e paesaggistici” e faceva capo alla Regione Umbria ma non ha mai preso il via. Da un lato si procedeva dal 1985 nel censimento di ville, parchi e giardini così come stabilito dalla legge “Galasso” (L. 431/85), dall’altro col protocollo d’intesa il 21 aprile 2010 tra Regione Umbria, Mibac, Provincia di Perugia, Provincia di Terni si sarebbe dovuto e potuto partecipare alla Rete regionale di ville, parchi e giardini. Tordimonte col suo castello uno dei siti individuati dallo studio di fattibilità ma il comune di Orvieto non ha mai firmato la convenzione ne ha operato iniziative in tale senso.

Spesso si dice che fare rete sia strategico eppure in pratica solo pochi amministratori si impegnano in tal senso.

Annunci

Gli scheletri di ferro

I VECCHI PILONI ENEL A LA SVOLTA SONO DEI MONUMENTI ALLA RUGGINE ED ALL’INCURIA.

Lucia vergaglia ha depositato un’ interrogazione al sindaco, di quelle che necessitano della risposta scritta, sul destino dei vecchi Piloni Enel che si possono vedere a destra della strada statale 71 andando da ciconia verso la svolta.

A nostro avviso infatti oltre ad essere un problema di decoro cittadino rappresentarlo anche un vero e proprio pericolo non solo a causa della vetustà e della mancata manutenzione ma anche per la mancanza delle luci di sicurezza, quella illuminazione specifica e quei segnali ad alta visibilità che sono previsti sui Piloni e che in questo caso sembrano mancare.

Aspettiamo quindi la risposta di sindaco ed uffici e poi decidiamo come agire dopo aver verificato se sono previsti dei lavori di messa in sicurezza oppure se sarà la amministrazione a chiedere ad Enel di dismetterli.

Sardegna: la risposta del M5S a catastrofi presenti e future

Riportiamo dalla Commissione Ambiente (Gruppo M5S, Camera dei Deputati)

E’ una roulette russa.

Adesso è toccato alla Sardegna, una settimana fa alle Marche. Prima ancora alla Toscana e al Veneto. E tra una settimana a chi toccherà? E quella successiva?

Il clima è cambiato, dobbiamo capire che ciò che anni fa era un evento meteo straordinario, adesso è divenuto ordinario. Il problema è già noto in tutta la sua drammaticità: l’82% dei comuni italiani è esposto a rischio idrogeologico (frane ed alluvioni).
Il MoVimento 5 Stelle alla camera ha iniziato a lavorare a questo problema fin da subito.
Mettendo in rete le competenze dei portavoce in Commissione Ambiente (geologi, ingegneri, architetti), e interfacciandosi con esperti, tecnici, professori universitari, ricercatori, professionisti, amministratori, sono state individuate delle risposte concrete e sono state tradotte in mozioni e proposte di legge.
Le altre forze politiche si riempiono la bocca di vuote parole dopo il minuto di silenzio. Il governo non agisce (solo 30 Milioni stanziati per la prevenzione su tutta Italia).
collage1IL MOVIMENTO 5 STELLE PROPONE DELLE SOLUZIONI in cui si punta sulla prevenzione e su una corretta gestione del territorio da parte di privati e di enti territoriali:

    • Proposta di legge sullo svincolo del patto di stabilità per le spese degli enti territoriali relative a ripristino, previsione e prevenzione del rischio idrogeologico e sismico (Spesso gli enti territoriali hanno in cassa fondi per intervenire adeguatamente e mettere in sicurezza il territorio per far fronte a vecchie e future emergenze ambientali. La prevenzione e la messa in sicurezza del territorio sono fondamentali per limitare l’impatto delle calamità naturali).
    • Proposta di legge “geobonus” (agevolazioni fiscali per chi investe in sicurezza del territorio e difesa del suolo).
    • Proposta di legge per “Limiti all’impiego di sostanze diserbanti chimiche” (Proposta per lo stop all’uso di questi prodotti lungo le strade, carrarecce, etc, visto che questa pratica porta al deterioramento del tappeto erboso naturale e conseguentemente ad erosione, dilavamento e franamento del terreno sulle sedi stradali)

Impianto Eolico ad Orvieto: Ancora tempo per valutare

“Mancano ancora diversi passaggi prima di poter valutare il maniera efficace e puntuale l’impatto ambientale che i due impianti eolici previsti a in località San Venanzo e Parrano, in provincia di Terni, ma ci auguriamo che tale avvio sia scongiurato, a tutela dell’ambiente e del patrimonio paesaggistico e culturale della zona”. Lo dichiara Filippo Gallinella, deputato umbro del Movimento Cinque Stelle, commentando la risposta all’interrogazione depositata qualche mese fa sulla questione dell’impianto umbro. 
Pag1 -risposta interrogazione“Una risposta che non dice poi molto, ma che lascia intravedere ancora una possibilità di fermare la costruzione dell’impianto in questa particolare zona.
Riteniamo importante – prosegue Gallinella – anzi fondamentale che il nostro Paese si impegni per la produzione di energie rinnovabili che vadano a sostituire, per quanto possibile, il carbone ma, allo stesso tempo occorre anche puntare sul risparmio e, comunque è altrettanto importante preservare la bellezza e del nostro paesaggio, la nostra storia, la nostra cultura e la salubrità del nostro ambiente”. 
“Un’ultima cosa. Questa è la prima risposta che ricevo ad un’interrogazione, e l’atto è datato 6 maggio 2013! A prescindere dalle crisi di Governo, mi auguro – conclude il deputato cinquestelle – che i Ministri prendano l’abitudine di dare riscontro in tempi rapidi ai quesiti posti dai parlamentari. E’ diritto dei cittadini avere delle risposte”