Archivi tag: Piazza Duomo

Piazza del Duomo: interrogazione al Senato

Abbiamo sollevato la questione di un regolamento “confessionale” per la fruizione di Piazza del Duomo, totalmente sbilanciato a favore di Curia ed Opera del Duomo, enti degnissimi per carità, ma che devono godere degli stessi ed uguali diritti degli altri cittadini. Questo regolamento, a nostro avviso incompleto e da rifare, voluto dall’assessore in quota SEL Andrea Vincenti è adesso oggetto di un’interrogazione al Senato della Repubblica per dei capi molto importanti e gravi, come leggerete qui di seguito nelle parole del portavoce Senatore Stefano Lucidi, e l’intera Giunta che ha sostenuto questa iniziativa, approvata dalla maggioranza di “sinistra”, deve rendersi conto di cosa si è resa responsabile. Un fatto inaudito che se fosse stato presentato da una forza d’estrazione cattolica con Pd e Sel all’opposizione avrebbe subito strali ed accuse di servilismo od anche peggiori considerato il tempo trascorso dal definitivo termine delle antiche faide Monaldeschi (Guelfi) contro Filippeschi (Ghibellini) raccontata anche nella Divina Commedia che oggi pare invece ritornare:

Vieni a veder Montecchi e Cappelletti,
Monaldi e Filippeschi, uom sanza cura:
color già tristi, e questi con sospetti!
(Dante Alighieri, La Divina Commedia, Purgatorio, Canto VI)

Noi per ora ci limitiamo a criticare la bruttura, in termini di concezione, di quest’anacronistico strumento normativo ed i suoi profili palesemente illeciti che espongono a gravi rischi il Comune stesso ed abbiamo già proposto le doverose modifiche all’Amministrazione,  e come leggerete agiamo assieme a tutti i nostri portavoce e, come sempre, lo facciamo a ragion veduta.

ORVIETO 1860 – 2015 ancora Stato Pontificio?

Nel 1860, liberata dal potere dello Stato Pontificio, Orvieto fu annessa al Regno d’Italia, separando per sempre il potere Temporale e il potere Spirituale, peculiarità che caratterizzò nettamente questo periodo storico.

Ad oggi cosa è cambiato?
Il Comune di Orvieto ha approvato, in data 13 aprile 2015, un “Regolamento per l’uso e il decoro di Piazza Duomo”.

http://www.comune.orvieto.tr.it//I/3A69C183.htm

La concessione di Piazza del Duomo è riservata alle sole manifestazioni approvate dalla Diocesi di Orvieto-Todi, e comunque, in generale, impone la previa acquisizione del parere della Curia Vescovile, per qual si voglia attività.
Da una prima analisi, non sembra apparire alcun precedente simile in Umbria.

orvieto stato della chiesa

Per questo motivo abbiamo verificato i regolamenti di: Spoleto, Foligno, Todi, Assisi, Perugia e Gubbio, e nessuno di essi richiede tale parere. Inoltre sembra non sussistere alcuna norma che possa legittimare il Regolamento in questione. Gli unici riferimenti agli enti religiosi contenuti nella normativa nazionale (e locale) in materia sono quelli diretti a renderli esenti dalle tasse di occupazione di suolo pubblico.

Il Movimento 5 Stelle ha intenzione di presentare un’interrogazione parlamentare per chiedere se tale regolamento possa essere considerato applicabile e verificare se sia consistente con il dettato Costituzionale agli artt. 3 (principio uguaglianza), 7 (rapporti Stato e Chiesa) e 122 e ss. (disciplina enti locali), considerando anche infine che, fra l’altro, che le competenza relative sono, per legge, riservate ai Comuni ed alle Provincie e non certo alle Curie Vescovili.

Stefano Lucidi
portavoce 5 stelle – Senato

Regolamento Piazza Duomo: Interrogazione all’Assessore Croce ed altre iniziative…

Inutile, questo regolamento così come è fatto è soprattutto inutile. E’ “confessionale” nel senso che costringe il Comune o l’organizzatore di eventi all’acquisizione del parere della Curia Vescovile e dell’Opera del Duomo (di entrambi) per poter avere l’autorizzazione all’uso della Piazza di tutti i cittadini, e questo non va bene; inoltre, a nostro avviso, è scritto in maniera maldestra, e questo è molto più grave.
Il giudizio sul nuovo “Regolamento per l’uso ed il decoro di Piazza Duomo” è quindi lapidario. L’assessore Vincenti non ha lavorato come si dovrebbe, anzi ha commesso gravi errori, scelte politiche opinabili come quelle del subordinare un bene pubblico ad enti religiosi confessionali e lasciato gravi lacune. Siamo d’accordo che sia necessario regolare l’uso ed il decoro di questa importante piazza, ma non certo in questo modo; solo per questo non abbiamo dato un giudizio negativo in Consiglio, ma l’astensione nella previsione che a brevissimo dovremmo metter mano a numerose modifiche per rendere Piazza del Duomo fruibile in modo vitale e pulsante, nell’interesse di tutti i cittadini e del territorio.
Si tratta di un regolamento scritto in maniera maldestra perchè ci sono continui rimandi all’arbitrio ed alla discrezionalità della Giunta od a criteri (come quello di sobrietà dell’art. 11 o quello della volgarità all’art. 7) assolutamente attinenti alle sensibilità personali del funzionario “controllore”.

«Siamo in palese contraddizione con ogni standard qualitativo della pubblica amministrazione moderna, del dettato costituzionale e dei principi uniformatori dell’Unione Europea. Stiamo nuovamente dando alla burocrazia ed ad enti esterni alla rappresentanza cittadina margini decisionali “imbarazzanti” sulle cose pubbliche e potere sanzionatorio non disciplinato da criteri oggettivi.

In pratica, oltre a ricopiare le norme vigenti, e ci mancherebbe altro, si vede benissimo che non si stabiliscono regole, ma piuttosto si indicano i mezzi d’ostacolo che l’Amministrazione può decidere di porre, applicando le regole “alla lettera” per alcuni ed “interpretandole” per altri. Straordinario poi il potere di veto degli enti confessionali il cui parere, previsto sin dal primissimo articolo del regolamento, è necessario all’avvio di ogni pratica “non religiosa” (sic!)  e non tradizionale. Essi però non sono vincolati in alcun modo nei tempi di risposta; infatti, in linea ipotetica, se la Curia o l’Opera del Duomo danno parere negativo un evento, questo, potrebbe essere realizzato comunque ma se uno dei due non rilascia il parere il meccanismo intero, stando alla lettera del provvedimento, si blocca in un’attesa sine die.»

(Lucia Vergaglia, portavoce M5S)

#NonCiFermateTour
Immagine dal #NonCiFermateTour del 2014

Fin qui un giudizio politico e delle osservazioni tecniche per le quali chiederemo, come spiegato in seguito, i doverosi approfondimenti. Ma troviamo ancora più pesanti le lacune come la mancanza della norma transitoria per le manifestazioni già approvate da tempo ma non ancora realizzate, dato che il regolamento è già entrato in vigore e che quindi sono comunque assoggettate nella realizzazione a queste nuove regole (tecnicamente un dirigente od un funzionario potrebbe revocare gli atti in autotutela bloccando a catena il processo autorizzativo), in questi casi non sono previste ne efficacie retroattive, ne meccanismi di adeguamento in “sanatoria” ne alcuna previsione di comportamento. Continua a leggere Regolamento Piazza Duomo: Interrogazione all’Assessore Croce ed altre iniziative…