Archivi tag: repubblica

Evviva la Repubblica

– FESTA DELLA REPUBBLICA –

Il 2 di giugno del 1946 ebbe fine quel Regno d’Italia nato solo 85 anni prima con gli atti finali di un lungo periodo di moti ed insurrezioni, di guerre e di annessioni degli stati esistenti nelle varie regioni italiane. Quel regno breve nacque dopo un processo durato moltissimo, invocato centinaia d’anni prima da Dante e che in realtà si attendeva letteralmente dalla caduta dell’Impero Romano d’occidente, tuttavia venne spazzato via dal voto dei cittadini che scelsero che la forma istituzionale dello Stato fosse non più monarchica per diritto dinastico ma una repubblica dove il popolo stesso si desse una Costituzione ed esprimesse rappresentanti e governanti. Era ora.

Quello fu un giorno storico, memorabile, ed oggi lo celebriamo, tutti.

Festa della Repubblica 2014

Buona festa della Repubblica,

repubblica_italianaNo, non è l’anniversario della fondazione del quotidiano, quello dello “svizzero” De Benedetti tessera numero 1 del Pd, proprio no anche se potrebbe sembrare.

Si festeggia il suffragio universale che, dopo la caduta del fascismo, permise agli italiani appena usciti sconfitti da una guerra devastante di poter scegliere se avere un re oppure una costituzione repubblicana.

Pensate un po’ quanto erano avanti a quei tempi, davano voce al popolo, ai cittadini.

Così l’Italia decise di avere un Parlamento con due Camere, in modo che la seconda lettura delle leggi avrebbe permesso di correggere eventuali problemi, basò il nuovo stato su parole come “è una repubblica basata sul lavoro”, “riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo” e “ripudia la guerra”, decise di avere un governo eletto che rispecchiasse i sentimenti e le opinioni delle persone in modo limpido, non maggioranze premiate con leggi truffa, vinse anche l’idea che il governo dovesse essere eletto e non scelto con manovre di palazzo ed infine si decise di non avere più un re, ma un presidente di garanzia per un ristretto periodo di tempo in una carica non rinnovabile…

Pensate un po’ che uomini formidabili erano sopravvissuti alla guerra, e quanto guardassero lontano… ma se avessero visto oggi la parata militare in attesa degli F-35, il terzo governo non eletto e figlio di una legge incostituzionale ed il presidente “a vita” chissà cosa direbbero, e cosa direbbero degli italiani.

Costituzione: Articolo 54

«Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge».

Devono adempierle con disciplina ed onore

  • Disciplina sf: “l’obbedienza rigorosa a norme …; il complesso di tali norme
  • Onore sf: “buona reputazione acquistata con l’onestà, coi meriti; rispettabilità, dignità

Per tutti coloro che hanno funzioni pubbliche e, soprattutto, per coloro che hanno prestato giuramento mi piace ricordarLo. In particolare vogliate tener presente che l’ordine nel cui complesso chi ha funzioni pubbliche si muove è quello repubblicano, non quello patriarcale.

  • Repubblica sf: (dal latino res publica, ovvero “cosa pubblica”) “la forma di governo in cui la sovranità appartiene al popolo”

In buona sostanza tutti coloro che sono chiamati a funzioni pubbliche, qualunque sia il merito per il quale ciò sia avvenuto, sono alle dipendenze dei cittadini. Questo, occorre ricordalo, non è uno Stato patriarcale è una moderna Democrazia! Continua a leggere Costituzione: Articolo 54